Amore e guerra nei Balcani

di | 09/09/2016

Un nuovo capitolo nel viaggio tra le umane debolezze e i tormenti d’amore del regista serbo (stavolta anche attore)

Monica Bellucci e Emir Kusturica in "On The Milky Road"

Monica Bellucci e Emir Kusturica in “On The Milky Road”

A otto anni dal documentario su Maradona e la partecipazione in “Words with Gods”, il regista di “Underground” torna sulla guerra in Bosnia con una struggente storia d’amore tra un pastore serbo e una donna tanto affascinante quanto equivoca. Gli amanti del Kusturica classico possono stare tranquilli: ci sono qui tutti gli elementi del suo cinema. Eventi surreali, interludi poetici, situazioni catastrofiche, scene che si alternano a momenti di calma irreale. Accanto ad una inquietante Bellucci, il regista stavolta ha voluto essere egli stesso protagonista, con un personaggio che letteralmente invade lo schermo.

Siccome di parla di guerra, e di una guerra particolarmente assurda, ammesso che su un tema del genere si possa fare una classifica, siamo nel mondo preferito da Kusturica perché la logica è del tutto assente. I fatti non si susseguono: procedono a valanga saturando ogni spazio percettivo, nelle immagini, nei suoni e nel ritmo del racconto. Suoni, rumori, musica avvolgono e travolgono lo spettatore ma piu’ che una trovata ad effetto a ben vedere ci troviamo di fronte al parallelo sonoro dell’esplosione (figurata e letterale) di immagini che sembrano non poter contenere tanta esuberanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *