Finestre sul cortile

di | 23/02/2018

L’individuo e il suo posto nel mondo: dai corridoi di un supermercato ai balconi di un condominio visioni personali e collettive nella giornata conclusiva della Berlinale 2018

Una immagine di "Accidence" di Guy Maddin e Evan e Galen Johnson.

Una immagine di “Accidence” di Guy Maddin e Evan e Galen Johnson.

Małgorzata Szumowska torna alla Berlinale per la terza volta in cinque anni con “Twarz”, una riflessione sulla relazione tra l’identità di un individuo e l’immagine che la definisce. Quarto film tedesco in concorso “In den Gängen” di Thomas Stuber comincia con un bell’omaggio al Kubrick di “2001: Odissea nello spazio” (di cui ricorrono i cinquanta anni) per esplorare gli scaffali di un supermercato e gli esseri che li abitano. Ultimo film della selezione ufficiale fuori concorso, “Ága” di Milko Lazarov riesce a scaldare il cuore nonostante si svolga tra distese di neve e laghi ghiacciati.

Nella sezione Panorama il duro contatto con la realtà di una donna rumena in cerca di un permesso di soggiorno negli Stati Uniti in “Lemonade” di Ioana Uricaru. Una storia simile di riscatto impossibile ma in un contesto geografico e storico completamente diverso in “Yardie” di Idris Elba, la storia di Dennis dalla Giamaica delle sparatorie tra gangs ai bassifondi londinesi.

Nella sezione Forum Mónica Lairana ci porta nella camera da letto e nella difficile fase di separazione di una coppia di mezza età in “La cama”. Ricky D’Ambrose alla ricerca di David, giovane studente di scienze politiche scomparso a Brooklyn senza lasciare tracce, nell’asciutto e ricercato “Notes on an Appearance”. E’ bello riscoprire ogni tanto che si può fare dell’ottimo cinema anche con pochi mezzi, purché si abbiano delle idee: ce lo ricorda Guy Maddin che con Evan e Galen Johnson ci propongono due cortometraggi, “Accidence” e “The Green Fog” (la nebbia verde è quella di “La donna che visse due volte” di Hitchcock), dove si divertono e divertono il pubblico manipolando il tempo e lo spazio come solo con il cinema si può fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *